Stampa

Com'è bello imparare da piccoli

baby-TennisDedicato alle mamme, specialmente quelle apprensive: non esistono controindicazioni per avviare alla racchetta anche i piccolissimi.

Il tennis è uno sport che può essere praticato fin dai primi anni di vita e non ha limiti di età. Molti genitori oggi indirizzano i loro figli verso la pratica del tennis perché desiderano che anch'essi godano dei benefici che questo sport offre : divertimento, autorealizzazione, socializzazione, esercizio fisico e salute mentale.

Il termine americano "Munchkin" individua tutta la fascia di età compresa fra i 4 e 10 anni e cioè l'età prescolare (4-6 anni) e l'età media infantile (6-10 anni) . Ogni bambino più raggiungere il proprio potenziale di tennista, sia che diventi un giocatore di club, un giocatore agonistica o addirittura un professionista. Perché questo accada occorre che il bambino impari le giuste abilità all'età più indicata.
Sappiamo infatti che vi sono dei periodi migliori per l'apprendimento di determinate capacità sia fisiche, mentali, tattiche e tecniche.

Gli anni del Mini Tennis sono cruciali per l'apprendimento delle capacità tecniche-coordinative e motorie e diventa perciò essenziale l'insegnamento di queste capacità al massimo livello. La scelta di una scuola di tennis valida e di insegnanti qualificati rimane quindi una priorità determinante per il raggiungimento di risultati concreti.
Tra le capacità più importanti che un bambino deve sviluppare tra i 4 e i 10 anni abbiamo:

  • La coordinazione occhio-mano (far rimbalzare e riprendere la palla, lanciarla e afferrarla, eseguire un lancio per il servizio);
  • La coordinazione spazio-tempo (sapersi muovere in campo a seconda di ciò che si deve fare calcolando il rimbalzo e la traiettoria della palla.
  • L'equilibrio statico e dinamico, fondamentale nella ricerca, nel posizionamento e nell'esecuzione di ciascun colpo.
  • La familiarizzazione con la racchetta e la palla, cioè la capacità di impugnare e maneggiare la racchetta, controllandone l'effetto sulla palla.
  • La tecnica dei colpi fondamentali; il diritto , il rovescio, il servizio, lo smash, la volèe, il pallonetto e la risposta al servizio con le relative rotazioni in topspin e slice.
  • La tecnica degli spostamenti e del gioco di gambe elementare, split step, saltelli laterali, corsa incrociata, passo scivolato, open stace, square stace e close stace.
  • La tattica di gioco elementare e le strategie di base, la partita, regolamenti, punteggio, arbitraggio senza arbitro, atteggiamento in campo, far play.
  • L'addestramento di queste capacità, se condito con una giusta dose di divertimento e di gioco, porterà presto i bambini ad amare il tennis facendoli crescere negli anni successivi dagli 11 ai 20 anni, fino allo sviluppo del proprio potenziale di tennisti.

Ci piace riportare le parole scritte sopra da Luigi Bertino (indiscusso tecnico a livello mondiale della PTR) perché le condividiamo pienamente e sono la base del lavoro dei maestri e istruttori del TENNIS PROJECT.
Il nostro personale tutto qualificato (ISEF-PTR-FIT) sta dimostrando di essere in grado di perseguire quegli obbiettivi perché mette il bambino al centro dell' attenzione e viene effettuato in un ambiente altamente sano privo di umidità e caldo eccessivo.

TRATTO DAL SITO WWW.OSIOSPORT.IT rubrica: SUGGERIMENTI